Certificazione verde COVID-19: La chiave del successo è la scansione ad alte prestazioni

| Trasporti e logistica

Certificazione verde COVID-19: La chiave del successo è la scansione ad alte prestazioni

I paesi europei hanno alleggerito le restrizioni e riaperto ai viaggi all’interno dell’Unione Europea, ponendo l’attenzione sul garantire la sicurezza e la libertà di movimento delle persone. Non solo per limitare le possibilità di nuovi focolai di Covid-19, ma anche per impedire il diffondersi di nuove varianti.

Il 17 marzo, l’Unione Europea annunciò di voler creare una Certificazione Verde digitale da poter utilizzare nei paesi membri dell’UE e da introdurre anche in Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. Conosciuto anche con il nome di “Green Pass Digitale”, il documento certifica che la persona ha effettuato il vaccino per COVID-19, risulta negativa al test rapido o PCR o che è guarita dal virus. Il certificato proposto, che agisce come un passaporto comunitario Covid, è disponibile gratuitamente, in formato digitale o cartaceo, e include un codice QR per garantire sicurezza e autenticità.

Il punto fondamentale per il successo di questa proposta è stato lo sviluppo delle app di scansione per validare i certificati da parte degli stati UE, e l’adozione da parte delle autorità e compagnie di trasporti.

Per garantire un’operatività costante e il successo delle app, sono fondamentali questi tre requisiti tecnici:

  1. La qualità della scansione deve essere garantita in qualsiasi situazione, sia per validare i certificati digitali sia quelli cartacei.
  2. L’acquisizione delle informazioni deve essere in linea con la normativa GDPR sulla protezione dei dati.
  3. Le app devono funzionare offline secondo l’eHealth Network’s Trust Framework europeo.

In questo articolo vedremo l’importanza del mobile scanning nel soddisfare questi requisiti del sistema di Green Pass digitale. Inoltre, vedremo anche il suo ruolo nel gestire i cambiamenti in varie situazioni e il volume dei passeggeri, e com’è facile e immediato dotare ciascun addetto alla validazione di una soluzione mobile accessibile.

La soluzione vincente è un mobile scanning affidabile

Il QR code presente sul Green Pass è il nesso fondamentale tra l’app mobile e l’organizzazione che emette il certificato. L’affidabilità e la precisione del motore di scansione in ciascuna app hanno, quindi, un ruolo essenziale nel rendere le operazioni di validazione del documento fluide e senza interruzioni, in qualsiasi luogo e punto di controllo all’interno dell’UE.

La necessità di avere uno strumento così efficace proviene anche dal fatto che, nel tempo, il numero dei passeggeri salirà nuovamente al periodo pre-Covid. In una situazione del genere, c’è bisogno di una tecnologia di scansione che garantisca precisione e velocità per rendere l’esperienza di validazione fluida e senza intoppi per gli utenti che ne usufruiscono, che si tratti delle autorità che emettono il certificato, dei viaggiatori o del personale di frontiera. Se l’app non funziona su tutti i dispositivi necessari e in condizioni ambientali reali, non raggiungerà gli obiettivi della certificazione UE e porterà a situazioni di disagio e tensione.

Inoltre, l’adozione di costosi lettori di barcode non porta a ottenere flessibilità, mobilità e ad assicurare un flusso di passeggeri rapido e scorrevole. L’ampia diffusione degli smart device, invece, permette agli addetti alle verifiche dei certificati di avere una maggiore flessibilità, un’alta performance e una soluzione mobile economica per ottenere dati in modo preciso.

L’utilizzo di comuni smartphone per la scansione di barcode si è già dimostrato prezioso durante la pandemia. La tecnologia di Scandit ha fornito alle app per smartphone la possibilità di scansionare qualsiasi tipo di codice a barre, anche Aztec e QR code – attualmente l’opzione preferita dall’UE – in modo facile e sicuro, agevolando molti dei momenti di socialità più importanti come il Covid-testing per il NHS, la spesa al supermercato o la ricevuta di consegna contactless.

Protezione dei dati e verifica offline

Con la tecnologia di Barcode Scanner SDK di Scandit l’elaborazione avviene tramite il dispositivo di scansione, garantendo la totale conformità con le leggi sulla protezione dei dati, incluso il General Data Protection Regulations (GDPR) in vigore in Europa da maggio 2018.

Un altro requisito richiesto dall’European eHealth network è la possibilità di effettuare le verifiche offline. Il network’s trust framework si riferisce alla situazione nella quale l’addetto alla verifica del Green Pass non ha bisogno di collegarsi a internet per accedere a risorse esterne nel momento e luogo della verifica. La firma digitale presente nel QR code viene facilmente verificata tramite il software dedicato per la validazione. Il motore di scansione di Scandit elabora i dati all’interno dello stesso device e può, quindi, funzionare perfettamente offline come farebbe online.

Una prestazione di scansione di alto livello è essenziale per il Green Pass

Considerando la miriade di condizioni nelle quali deve operare il sistema di certificazione Green Pass, è indispensabile garantire una scansione di alto livello. Tra gli elementi essenziali ci sono la velocità di scansione e la possibilità di scansionare Aztec o QR code in qualsiasi situazione.

I QR code Aztec raccomandati dall’UE sono compatti, regolabili e possono contenere più informazioni, ma molte soluzioni di open source non riescono a supportarli, il che non è un problema con Scandit.

Le app per la lettura dei Green Pass devono poter scansionare codici strappati o danneggiati su certificati cartacei, anche in condizioni di scarsa luminosità o con riflesso. Scansionare un codice a barre su uno smartphone con lo schermo rovinato è un’altra situazione frequeste. Altrettanto, capiterà che la persona addetta alla verifica non avrà la possibilità di toccare il certificato, dovendo effettuare la scansione a distanza e con angolazioni scomode.

Scandit porta il software per la scansione ad alte prestazioni in tutte le app mobile, permettendo a oltre 20.000 modelli di smart device con telecamera di scansionare qualsiasi barcode nelle situazioni più estreme – fondamentale per tutti gli organi che devono validare il Green Pass.

I dati raccolti tramite la scansione del certificato, servono a numerosi utenti: ufficiali governativi regionali, nazionali e internazionali, agenzie di viaggio, agenti di frontiera, compagnie aeree, autorità portuali e, ovviamente, agli stessi viaggiatori. Con una rapida e precisa scansione del QR code, l’app del validatore si collega con l’autorità che ha emesso il certificato ottenendo immediatamente l’accesso ai dati sul passeggero.

Scandit fornisce una soluzione a 360°

Per implementare il Certificato COVID digitale dell’UE, la scansione deve essere di alta qualità e di rapida esecuzione su qualsiasi smart device, indipendentemente dal modello o marca, inclusi iPad e altri scanning device fissi.

Alcune indagini effettuate sugli utenti hanno confermato che le mobile app con tecnologia Scandit superano ampiamente altri software di scansione (incluse le soluzioni proprietarie presenti nei device) in qualsiasi situazione e con qualsiasi tipo di barcode.

Le soluzioni di Scandit sono facili da integrare nelle app mobile native su qualsiasi framework, garantendo un’ottima performance su tanti device, un elemento essenziale per velocizzare la diffusione e l’utilizzo nei vari paesi dell’UE. Scandit offre anche la possibilità di integrare la propria funzionalità in app basate su browser.

L’eccellente scansione con smartphone tramite Scandit è ben conosciuta nel settore aereo, dal self-checkin, controllo bagagli e autorizzazioni di sicurezza, alla scansione dei documenti d’identità al gate d’imbarco. La sua nuova modalità di utilizzo, a supporto dell’implementazione del Green Pass, è un’ulteriore strada per assicurare un’esperienza di viaggio sicura e senza intoppi, sia per i passeggeri sia per le autorità del caso.

Per scoprire di persona la scanning performance di Scandit, è possibile provare la nostra SDK Barcode Scanner demo o Web SDK demo. Se si è interessati ad integrare la nostra tecnologia di scansione nella propria app per la validazione del Green Pass, basta contattarci.

Post Correlati